Menu

Temple 2 and more art by Jason Yung

Temple 2, 2020
29 x 67 x 9 cm (h x w x d)
USD 3 000
LEDs
Legno
Arduino
for sale

Jason Yung is a Brooklyn-based Canadian new media artist working primarily in light. Yung approaches light art from the standpoint of a painter; his work reinterprets the age-old visual logic of the painter through the 21st-century medium of LED light, and the ability to shape light through programming and actuation.

ARTIST STATEMENT
The Temple series of pieces that I present for the Breezy Gallery’s “Renaissance 2.0 2.0” show were made between March and October 2020.
The artistic direction embodied by these pieces is a direct result of the Covid-19 pandemic, as well as the political turmoil gripping the US. John Dewey once wrote that “without compression, there can be no expression.” In this vein, I offer my gratitude to the circumstances and hardship of a pandemic that allowed me the opportunity to branch off and find a new direction and discover new territories in my artistic expression.
Before the pandemic, my work predominantly consisted of LEDs posed inside lightboxes, using acrylic panels as a diffusion surface. However, with my Brooklyn studio building closing immediately as New York City went into lockdown, I lost my ability to use the tools I was accustomed to: laser cutter, 3D printer, CNC machine, table saw, etc. I took home the materials I could, but constructing new lightboxes without the proper tools in a home setting was out of the question.
The Temple series began as an at-home experiment. Since I would be in my bedroom for hours on end during the lockdown, I wanted to conduct a James Turrell-inspired study of the sky color outside my window, using LEDs on sticks to project colored light around the window. While the study did not turn out as expected, I started to play with the L-shaped sticks that I used to project light on to the wall. (These L-shaped sticks were readily available at the nearby Lumber store, and are known as “corner guards” or “corner moulding”.) Originally, I selected the L-stick for its practicality. It was something easy to find and easy to cut with a hand saw. Its shape was ideal: its two perpendicular surfaces allowed one for mounting LEDs while the other could be to attach to the wall.
However, as I began to experiment with using the L-stick to illuminate the wall, I began to see its true potential as a method of shaping light. The beauty of the L stick is that one side casts a hard shadow, while the other side produces a beautiful gradient on the wall that gradually fades into darkness. It is this structural quality that the Temple series is built upon.
THE INNER TEMPLE
Art is my second career. I gave up my first career to move to New York (from Canada) to study painting in 2015. The move to New York and the switch to study art was underlied by a spirituality that developed in me. As such, my art practice follows two simultaneous lines of exploration - one material and one spiritual.
The material line is the technical exploration of medium. In my light art, it is about wiring LEDs, designing how things will fit together, planning, fabricating, engineering, programming, etc...
The spiritual line that my work explores is completely intuitive. It follows and works with inner images that bubble up from the unconscious mind.
Carl Jung wrote about the concept of “active imagination”, a process by which someone works with the images that occur to them in a dream or fantasy by giving it physical manifestation. Jung thought that this allows for a dialogue between the conscious mind and the deeper unconscious.
After I completed the Triangle - the prelude to the Temple series - it was a time when Covid-19 in NYC had somewhat stabilized. It was at this time when the George Floyd murder happened and with it, civil unrest engulfed New York. With the new energy created by the protest movement - on one hand constructive, on the other hand destructive - a feeling of change was in the air, and I knew I had to move beyond the triangle. The Temple series started during this time of change.
Before I named the pieces Temple, I remember staring at the light patterns on the wall created by the object that would be Temple 1. All of a sudden, I was struck by the feeling that I was wandering in an imaginal desert, looking at a great pyramid that was rising up in the distance. This pyramid was the temple. For me, it was the temple of New York City. It was what I had come to this city in search of, but which only emerged during this chaotic time of peril and uncertainty.
With each Temple piece that I did, I felt like I was circumambulating the temple, and finally approaching and entering it.
Temple 1 is the northern approach of the temple.
Temple 2 is the southern approach.
Temple 3 is the courtyard of the temple.
Temple 4 is the gate of the temple.
Temple 5 (currently installed at a gallery in New York) is the great hall of the temple’s interior.
Temple 6, my final piece in the Temple series, is the inner sanctum of the temple.
Years ago, I travelled to Jerusalem with a friend. While walking the outskirts of the city, we met a French pilgrim. He told us that he had walked to Jerusalem from Paris. He spent months walking through Europe, through the Middle East, and finally ended up in Jerusalem. I asked him why he had not entered the old city yet, since it was only a short. He replied that he was in no hurry - first, he had to walk around for a few days before he was worthy of entering.
It is with this feeling that I complete the Temple series and offer it to the viewer as my testament to this unique time and my personal journey.

-

Jason Yung è un new media artist canadese con sede a Brooklyn che lavora principalmente sulla luce. Yung si avvicina all'arte della luce dal punto di vista di un pittore: il suo lavoro reinterpreta l'antica logica visiva pittorica attraverso il mezzo contemporaneo della luce LED e la capacità di plasmarla attraverso programmazione e attivazione.

Artist Statement

La serie Temple presentata alla mostra “Renaissance 2.0 2.0” di Breezy Gallery è stata realizzata tra marzo e ottobre 2020.
La direzione artistica incarnata da questi pezzi è il risultato diretto della pandemia di coronavirus, così come il tumulto politico che attanaglia gli Stati Uniti. John Dewey scrisse una volta che "senza compressione non ci può essere espressione". In questo senso, offro la mia gratitudine per le circostanze e le difficoltà di una pandemia che mi ha permesso di espandere, trovare una nuova direzione e scoprire nuovi territori nella mia espressione artistica.
Prima della pandemia, il mio lavoro consisteva prevalentemente nell'utilizzo di LED all'interno di lightbox con pannelli acrilici come superficie di diffusione. Con la chiusura immediata del mio studio di Brooklyn quando New York City ha subito il lockdown, non ho più potuto utilizzare gli strumenti a cui ero abituato: laser cut, stampante 3D, macchina CNC, sega da tavolo, ecc. Ho portato a casa i materiali che potevo, ma costruire nuove lightbox senza gli strumenti adeguati in un ambiente domestico era fuori questione.

La serie Temple è iniziata come un esperimento casalingo. Dato che sarei rimasto nella mia camera da letto per ore durante il lockdown, volevo condurre uno studio ispirato a James Turrell sul colore del cielo fuori dalla mia finestra usando LED fissati su bastoncini per proiettare luce colorata attorno alla finestra. Anche se lo studio non è andato come previsto, ho iniziato a giocare con le stecche a forma di L che usavo per proiettare la luce sul muro, che erano direttamente disponibili nel vicino negozio di legname - qui sono conosciuti come "protezioni angolari" o "modanature angolari". In origine, ho scelto il bastone a L per la sua praticità. Era qualcosa di facile da trovare e facile da tagliare con una sega manuale. La sua forma era ideale: le sue due superfici perpendicolari consentivano di montare uno dei LED mentre l'altra poteva essere fissata alla parete.
Sperimentando l'utilizzo di questi supporti per illuminare il muro ho iniziato a vedere il loro vero potenziale come metodo per plasmare la luce. La bellezza del bastone a L è che un lato proietta un'ombra definita, mentre l'altro lato produce una luce morbida che sfuma gradualmente nell'oscurità. È su questa qualità strutturale che si basa la serie Temple.

Il tempio interiore
L'arte è la mia seconda carriera. Ho rinunciato alla mia prima carriera per trasferirmi a New York dal Canada per studiare pittura nel 2015. Il trasloco e il passaggio agli studi artistici sono stati alla base di una spiritualità che si è sviluppata in me. In quanto tale, la mia pratica artistica segue due linee di esplorazione simultanee: una materiale e una spirituale.
La linea materiale è l'esplorazione tecnica del mezzo. Nella mia arte della luce, si tratta di cablare i LED, progettare l’accostamento degli elementi, pianificare, fabbricare, ingegnerizzare, programmare, ecc...
La linea spirituale che esplora il mio lavoro è completamente intuitiva, segue e rielabora immagini interiori che sgorgano dalla mente inconscia.
Carl Jung ha scritto del concetto di "immaginazione attiva", un processo mediante il quale qualcuno lavora con le immagini che gli vengono in mente in un sogno o in una fantasia dandogli una manifestazione fisica. Jung pensava che ciò consentisse un dialogo tra la mente cosciente e l'inconscio più profondo.
Dopo aver completato Triangle - il preludio alla serie Temple - i contagi a New York si erano in qualche modo stabilizzati. In questo periodo ci furono l'omicidio di George Floyd e tutti i disordini civili che seguirono. Con la nuova energia creata dal movimento di protesta - da un lato costruttivo, dall'altro distruttivo - c'era nell'aria una sensazione di cambiamento, e sapevo che dovevo andare oltre il triangolo. La serie Temple è iniziata durante questo periodo di rivoluzione.
Prima di chiamare i pezzi Temple, ricordo di aver fissato i motivi di luce sul muro creati dall'oggetto che sarebbe stato il Temple 1. All'improvviso, sono stato colpito dalla sensazione di vagare in un deserto immaginario, guardando un grande piramide che si alzava in lontananza. Questa piramide era il tempio, il tempio di New York City. Era quello che ero venuto a cercare in questa città, ma che è emerso solo durante questo periodo caotico di pericolo e incertezza.

Con ogni pezzo della serie Temple che ho fatto, mi sentivo come se stessi girando intorno al tempio, per poi avvicinarmi ed entrarvi.

Temple 1 è l'approccio settentrionale del tempio.
Temple 2 è l'approccio meridionale.
Temple 3 è il cortile del tempio.
Temple 4 è la porta del tempio.
Temple 5, attualmente installato in una galleria di New York, è la grande sala dell'interno del tempio.
Temple 6, il mio ultimo pezzo della serie Temple, è il santuario interno del tempio.
Anni fa, sono andato a Gerusalemme con un amico. Mentre camminavamo alla periferia della città, abbiamo incontrato un pellegrino francese che ci ha detto di essere giunto a Gerusalemme a piedi da Parigi. Ha passato mesi camminando per l'Europa, ha attraversato il Medio Oriente e alla fine ha raggiunto Gerusalemme. Gli ho chiesto perché non fosse ancora entrato nella città vecchia, vista la poca distanza. Lui ha risposto di non avere fretta: doveva camminare per alcuni giorni prima di essere degno di entrare.
È con questa sensazione che completo la serie Temple e la offro allo spettatore come testimonianza di questo momento unico e del mio viaggio personale.



offered by:

other works by Jason Yung

Triangle , 2020
91 x 76 x 2.5 cm (h x w x d)
LEDs
wood
Arduino

Temple 6 , 2020
57 x 57 x 18 cm (h x w x d)
Acrylic
wood
LEDs
stepper motors
Arduino

Temple 4, 2020
29 x 67 x 9 cm (h x w x d)
LEDs
wood
Arduino

Temple 3, 2020
29 x 67 x 9 cm (h x w x d)
LEDs
wood
Arduino

Temple 1, 2020
29 x 67 x 9 cm (h x w x d)
LEDs
wood
Arduino

more from Breezy Art

I screen, you screen, we all s..., 2021

I Worry Lines Away #1 (Growth), 2019
Print + Digital Animation

Where I End and You Begin #2 (..., 2008
Print + Digital Animation

Familiar Faces #11, 2020
Digital animation

Absent Minded Monotonous Splen..., 2010/2020
Animated MP4 with Sound

Pages

Do you create or deal with art?

Cookies help us to provide certain features and services on our website. By using the website, you agree that we use cookies. Privacy policy